Blog

Uno studio americano ha provato ad incentivare economicamente l’attività fisica, voi cosa ne pensate? Noi vi diciamo la nostra.

Secondo uno studio pubblicato recentemente sul Journal of American Heart Association incentivare economicamente l’attività fisica per pazienti cardiopatici aumenterebbe il movimento giornaliero dei soggetti stessi.

Ecco lo studio: per 24 settimane, 105 pazienti con cardiopatia ischemica (reclutati in quattro ospedali nel sud-est della Pennsylvania) sono stati divisi in due gruppi con un unico obiettivo: camminare il più possibile. Entrambi indossavano un dispositivo di conteggio dei passi. A ciascun partecipante del gruppo studio venivano assegnati 14 dollari a settimana, che avrebbero perso ad un tasso di 2 dollari al giorno in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi assegnati. Dai risultati è emerso un aumento significativamente maggiore dei passi giornalieri medi rispetto al basale nei pazienti nel gruppo di studio rispetto ai controlli in tutte e tre le fasi dello studio: incremento dell’attività fisica, mantenimento e follow-up.

Una domanda sorge spontanea: è davvero giusto esser pagato per prendersi cura di se stessi?

Se ci conoscete bene il nostro punto di vista lo conoscete già. Riteniamo certamente utile trovare il modo migliore di incentivare le persone ad una corretta attività fisica, tuttavia qui non si sta parlando di prevenzione ma di terapia medica a tutti gli effetti.

Nel caso di un cardiopatico, svolgere una corretta attività fisica equivale ad assumere un farmaco aggiuntivo fondamentale per la propria qualità della vita. Lo stesso, in realtà, vale per ognuno di noi. E’ ormai acclarato dalla scienza, lo abbiamo ripetuto infinite volte, che l’attività fisica sia ormai il migliore farmaco per la nostra salute.

Crediamo davvero molto nelle persone e nella  forza che possono imprimere cercando un cambiamento. Tuttavia cerchiamo di spingerle ad una corretta educazione ad alimentazione ed attività fisica integrata ad una maggiore consapevolezza nella proprie scelte. Siamo davvero convinti che questa sia l’unica strada. La propria salute dovrebbe essere la priorità e, come sappiamo, essa è influenza da infiniti fattori che compongono il benessere quotidiano che è altamente influenzato dalle scelte praticate ogni giorno.

La nostra passione è aiutare le persone a scegliere meglio. Imparare a farlo è una conquista, un cammino tutt’altro che facile che porta alla soddisfazione più grande: imparare a scegliere per il nostro bene! Spesso non coincide con ciò che si vorremmo ma è una modalità di scegliere che ci si aspetta da una persona adulta e matura, la quale non lo diventa grazie ad un incentivo economico ma attraverso 3 peculiarità uniche del genere umano: conoscenza, esperienza e passione.

No Comments

Post a Comment

X