Blog

L’esercizio aerobico è la miglior medicina che puoi prendere, cosa aspetti?

 

L’esercizio aerobico è una attività svolta utilizzando, in percentuale più elevata, il metabolismo aerobico, ovvero quei processi biochimici volti alla produzione di energia attraverso l’utilizzo dell’ ossigeno, molecola vitale per ogni tessuto del nostro corpo.

In particolare, possiamo individuarla, nel quotidiano, come ogni attività che non richieda una rapida esecuzione (come uno scatto per raggiungere la metro oppure prendere al volo il telefono che è scivolato dalle mani) o una attività prevalentemente di forza (ad esempio: trasportare pacchi pesanti oppure le buste della spesa). Se l’azione è ritmica, ciclica e ripetibile a lungo (ore) nel tempo stai facendo un esercizio aerobico.

 

Semplificando molto il discorso, ogni attività svolta durante la giornata è principalmente una attività aerobica. In aggiunta a questa, ci sono tutte le attività tipiche svolte con l’obiettivo di fare attività fisica come: camminare, correre, nuotare, andare in bicicletta.

 

Ogni esercizio aerobico, se adeguatamente eseguito, è per il corpo meno dispendioso, meno stressante o meglio, attiva l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene in maniera adeguata.

Questo asse è il principale attivatore e modulatore della risposta acuta e cronica allo stress che sia esso psicologico o fisico in quanto attiva una cascata di ormoni ed enzimi che comportano modulazioni fini e più ampie a livello organico in risposta al carico psico-fisico ricevuto.

 

Tuttavia, c’è una sottile linea di demarcazione tra una risposta idonea, ovvero che non comporti fenomeni infiammatori cronici, ed una errata, ovvero che inneschi reazioni organiche pericolose per l’organismo.

Il concetto da ricordare è che si tratta di una differenza estremamente personale, per intenderci correre a 15 km/h o camminare a 6 km/h per una persona potrà essere come “bere un bicchiere d’acqua”, per un’altra potrà sembrare come “scalare l’Everest”.

 

L’influenza personale del carico é determinata da fattori genetici, ambientali e comportamentali di ogni individuo, per questo è soggettiva e da cucire su misura ad ogni persona

 

Come spiega molto bene una revisione della letteratura del 2016, pubblicata su Frontier in Psychology Cognition , il carico giusto farà la differenza tra uno stress organico “buono” ed uno “cattivo”, influenzando positivamente o negativamente: ansia, depressione, cortisolo, funzioni cognitive, endocannabinoidi (es. endorfine), fattore neutrofico encefalico e serotonina.

 

Esattamente, l’attività aerobica ha il grande potere di farci stare bene, migliorare gli stati d’ansia e di depressione oltre a farci dimagrire e migliorare i parametri ematici e climci. Inoltre, non ne serve una quantità esagerata, ma una quantità giusta e costante. Ogni giorno di più.

 

Bisogna ricordarci però che ogni attività svolta dall’uomo è movimento, e che quindi è estremamente facile aumentarla, se si vuole. Ognuno nel proprio quotidiano ha piccole pigrizie da battere, piccole quantità che può aggiungere al conteggio quotidiano. Puoi svolgere un percorso a piedi, una salita di scale, utilizzare la bici? È il momento di farlo. Dopo poche settimane ne sentirai i benefici, qualsiasi sia il tuo stato di salute.

 

Hai capito bene, l’esercizio aerobico fa bene a tutti, perché è a basso impatto sulle articolazioni e al sistema cardiovascolare ed adattabile alle esigenze di tutti, diabetici, cardiopatici, obesi, sedentari, atleti. Ad ognuno l’intensità che ritiene più adatta a se stesso, ad ognuno la propria quantità di tempo da aumentare gradualmente. Insomma, ad ognuno la propria attività aerobica e, mi raccomando, sempre concordata con un professionista, è il modo migliore per raggiungere gli obbiettivi.

No Comments

Post a Comment

X