Blog

La postura è un elemento fondamentale per la salute del nostro corpo, in particolare per ossa, articolazioni e muscoli.

Avere una buona postura ci permette di compiere tutte le normali azioni della giornata, che sia fare la lavatrice o scaricare dei pesi, in maniera più efficace e senza conseguenza dolorose. Le prime a rimetterci da una postura non corretta sono le articolazioni: spalle, vertebre, anche, ginocchia, caviglie, tutte vengono sforzate in modo errato quando il corpo non è perfettamente in armonia.

La postura mantiene il giusto equilibrio fra i segmenti corporei e, quando questo equilibrio viene a mancare, significa che alcuni muscoli lavorano più di altri, peggiorando, nel tempo, la situazione. A lungo andare uno stress eccessivo concentrato su determinate articolazioni può provocare dolore e un deterioramento precoce delle cartilagini!

Spesso si considera il fitness come qualcosa volto al rafforzamento muscolare a scopo estetico o al dimagrimento. Invece il miglioramento o mantenimento della corretta postura dovrebbe essere una delle priorità, e gli esercizi compiuti in palestra non dovrebbero mai andare a discapito di essa (come allenare sempre e solo specifiche parti del corpo).

Come fare quindi per migliorare la nostra postura? Quali sono gli esercizi più adatti?

Step 1. Rafforzare l’addome

Una buona postura inizia da un addome forte (il “core”) che include: addominali, i muscoli lombari, i muscoli obliqui, muscoli profondi dell’addome, bacino e basso ventre. Avere un addome allenato non consente solamente di avere una schiena sana e resistente, ma permette una azione dinamica e armoniosa a tutto il corpo, migliorando l’equilibrio e facendolo muovere con maggiore flessibilità. Avere un addome debole, invece, significa sforzare altri muscoli per compensare la sua assenza di forza, col risultato di avere meno agilità e dolori ricorrenti. Per rafforzare l’addome sono consigliabili tutti gli esercizi che abbiamo già descritto in questo articolo. La cosa migliore è inserire questi esercizi all’interno degli allenamenti che facciamo già, in modo da renderli più completi. Dobbiamo puntare a eseguirli almeno 2-3 volta a settimana, per 15-20 minuti.

Step 2. Sistemare le spalle

Avere le spalle incurvate è piuttosto comune, anche se rimane un’anomalia nella nostra corretta postura, dovuta alle tante ore che passiamo seduti dietro alla scrivania o a un computer. Questa posizione scorretta accorcia e “indurisce” i pettorali, allungando e indebolendo muscoli delle spalle e dei fianchi. Esercizi efficaci in questo senso sono quelli di allungamento specifici per pettorali, spalle e fianchi. Per rafforzare e “allargare” le spalle,  occorre attivarle muscolarmente. Banalmente, appoggiarsi spalle a terra o contro il muro con anche i palmi appoggiati al piano di appoggio ed imprimendo forza con l’obbiettivo di “spostare” il piano di appoggio sarà già un ottimo esercizio di attivazione. Conta 20 secondi e il gioco è fatto.

Ricorda sempre di confrontarti con il tuo medico e uno specialista delle scienze motorie!

Gli altri step? proseguono qui

 

X